ecommerce - foto brooke-lark-609899-unsplash
Articoli,  Consigli,  Web

Perché sconsiglio la realizzazione di un ecommerce, e quando conviene farlo

La domanda che mi rivolgono, spesso, è di realizzare un ecommerce nel sito web che ho progettato.
E io ne sconsiglio la creazione a meno che, dopo attenta analisi, valuto per il cliente un reale vantaggio e se questi si impegna a provvedere alle esigenze previste.
Perché, è bene chiarirlo: creare un negozio online richiede varie risorse e budget a disposizione, tuttavia vale la pena averlo se la gestione della vendita effettuata in modo automatico crea reali benefici, ovvero rappresenti un’agevolazione rispetto alla vendita privata (tramite email, ad esempio).

Premessa

Ti introduco nell’argomento e spiego:
  • cosa occorre per avere un ecommerce;
  • perché spesso non conviene averlo (in chiusura).
Tempo di lettura dell’articolo: 5 minuti.
Tempo, minimo, occorrente per la riflessione: … settimane?

Cosa occorre a un ecommerce

Manuale semi-completo.
Innanzitutto, per avviare un ecommerce, bisogna chiarire le questioni fiscali e burocratiche:
  1. Partita Iva;
  2. provvedere all’iscrizione alla Camera di Commercio;
  3. regolarizzarsi riguardo le nuove indicazioni per la fattura elettronica, la P.e.c. ecc.
  4. darne comunicazione a: l’Agenzia delle Entrate, l’INPS, inviare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività allo Sportello Unico Attività Produttive del tuo Comune;

Perché, è bene chiarirlo, avere un ecommerce richiede le stesse formalità burocratiche di un negozio fisico: commerciali, fiscali e legali.

Il secondo passo si effettua con un legale, possibilmente specializzato nella disciplina del commercio, che serve per definire quelli che saranno i termini e le condizioni di vendita e le varie tutele al consumatore;
e un secondo legale, esperto in privacy, che provveda a realizzare l’informativa privacy.

Quando avrai adempiuto a questi obblighi, potrai affidarti a un consulente per il progetto dell’ecommerce, che ti segua nei contatti con alcune figure professionali e necessità:
  1. l’acquisto di un server dedicato;
  2. accertarti che sia installato il certificato per l’HTTPS;
  3. consultare un web master, se intendi personalizzare la struttura o che ti installi un CMS (content management system, sistema di gestione dei contenuti, ovvero WordPress, Joomla, Magento, Prestashop…)
  4. delegare il progetto a un web designer, che può personalizzarti un tema o, a seconda del budget, costruirlo ex-novo.
Se ti va, puoi dare uno sguardo al mio lavoro nella sezione Web design.

Sei interessato e vuoi chiedermi un consiglio?

Perché il server dedicato?

Perché di solito i siti web, negli spazi web degli hosting più economici, sono depositati su un server condiviso e, di conseguenza, c’è la possibilità che sul tuo spazio ci siano altre piattaforme che penalizzino la reputazione del negozio online.
Un esempio su tutti: può esserci un sito ‘porn‘ che preleva la banda, penalizza il server e mette a rischio di intrusioni esterne il tuo negozio.

Rispondi alle domande

In quante lingue vorrai avere il tuo negozio?
I migliori plugin che consentono le traduzioni hanno, generalmente, dei piani di abbonamento.

Venderai fuori dall’Ue?
Prevedi le norme legali se vendi fuori, chiedi ai consulenti se puoi realizzare fatture al di fuori dell’Ue.

Qual è il tuo target; struttura il negozio prima sulla carta: utilizza un business plan.


La logistica: chi si occuperà di gestire il negozio?

  • Chi ci sarà a seguire il contatto con i clienti?
  • È importante avere una buona sezione di customer care, l’assistenza ai clienti, pena la reputazione del negozio stesso.
  • Prevedi un numero verde adatto al contato diretto con il pubblico.
  • Chi provvederà alle spedizioni?
  • Quale packaging userai?
  • Quale corriere?
  • A quanto ammonteranno le spese di spedizione, e con che differenza fra zone italiane o altri Paesi?
  • Chi si occuperà dei resi?

La gestione dei pagamenti

Il pagamento: l’argomento è delicato perché devi consentire transazioni sicure. Puoi usufruire dei canali messi a disposizione dalla tua Banca, sfruttare servizi di transazione come PayPal: ognuno di questi prevede una tariffa periodica e spese per transazione.

Le foto

Quando il sito avrà l’aspetto che preferisci e sarà funzionale, e prima ancora di creare il tuo catalogo dei prodotti, ti conviene trovare un fotografo che realizzi le foto dei prodotti, perché il prodotto vende solo se ha un determinato tipo di immagine: accattivante, luminosa, molto ben definita e visibile anche nei dettagli.

Organizza il negozio

Per organizzare il catalogo siediti al tavolino e rifletti sulla struttura che deve avere il negozio: ogni rivendita è organizzata a comparti dove esiste la suddivisione per categorie, tipologie, tag… prevedi in maniera ottimale l’intera catena che deve seguire il prodotto perché correggere in seguito può diventare un grande problema.

I testi: ti occorre un copywriter.

Non pensare mai che tu possa risolvere la gestione senza avere, nel team che ti seguirà, una figura esperta in testi adatti alla promozione e alla vendita.
Non solo, devi lasciarti affiancare da un esperto Seo, perché per vendere è importante che si provveda a tutte le strategie utili affinché il tuo negozio sia perfettamente indicizzato.

Quando sarà tutto completo e dovrai solo gestire il suo aggiornamento, ricorda che è importante acquistare l’assistenza data dal web master e web designer per piani di backup e messa in sicurezza del sito.
Non risparmiare su questi dettagli.

Il Marketing

Infine provvedi al marketing pagando esperti (professionisti di Content Marketing, del Local Business e Social Media Manager) perché studino il target, predispongano il calendario editoriale e si occupino di:
  • realizzare pubblicità a pagamento su Google
  • gestiscano i social network e le promozioni
  • raccolgano email e inviino newsletter.

Ricordati di…

Non dimenticare:
  • festività
  • periodi di saldi e sconti
  • black friday e altre ricorrenze.

La riflessione

In chiusura dell’articolo, ma questa riflessione può essere posta anche in apertura e risponde sul perché cerco di evitarlo:
  • per realizzare un ecommerce devi prevedere un budget che ti consenta di non lesinare sui servizi fondamentali perché, è importante chiarirlo, il negozio online è utile solo se vendi i tuoi prodotti e deve ricevere sufficiente pubblico perché funzioni l’attività.
  • Inoltre, affidati a un intero team di consulenti perché dovranno lavorare bene, con competenza.

Non lasciare nulla al caso.


Quando l’ecommerce non serve

L’articolo che ho scritto non vuole scoraggiare la realizzazione e gestione di un ecommerce, anzi: il mio intento è di guardare bene alla realtà e ai dettagli che vanno compresi nel budget di spesa del negozio perché, come già detto, questo deve funzionare per essere efficace e consentire un rientro delle spese prima ancora dei guadagni.

A meno di queste condizioni, anche per piccole realtà, conviene non averlo.

E allora: per vendere?

Esistono comunque molti modi di gestire la vendita di prodotti grazie a internet e, anche escludendo l’ecommerce, il contatto con il pubblico è sempre possibile.
Ad esempio, potresti usufruire dei servizi offerti dai marketplace (tipo quello che si trova su Facebook) o gli ecommerce online tipo Etsy, Shopify o sfruttare la diffusione di Amazon e creare un tuo negozio lasciando esternamente le incombenze… per fare un’elenco dei più noti.

Se ti va di saperne di più, contattami e scrivi per commentare o per ricevere maggiori informazioni sul mio lavoro.
Visita la sezione che ho dedicato al Web design.

Baci baci.

Roberta

Scrivimi...

per chiedere informazioni, ricevere una consulenza gratuita, rivedere l’immagine del tuo brand, richiedere un’offerta per un sito web, un prodotto, illustrazioni personalizzate per poster, manifesti, inviti da cerimonia, ritratti…

(*) Inviando l'email con il Modulo di contatto, i tuoi dati saranno utilizzati allo scopo di fornire una risposta alla richiesta di informazioni oppure, se lo richiedi espressamente, contattarti per poterti fornire un preventivo.
I tuoi dati non saranno mai rilasciati a terzi e saranno conservati 12 mesi per portare traccia dei dialoghi nel caso sia richiesta ulteriore corrispondenza o i contatti si evolvano in un preventivo, che richiede una conservazione di 24 mesi.
In questo periodo potrai usufruire dei tuoi diritti, sanciti dal Regolamento Ue 679/2016, quali l'accesso, la rettifica, la cancellazione, la limitazione, la portabilità dei dati semplicemente scrivendo al titolare di questo sito e utilizzando questo stesso modulo di contatto.
Nel link che segue è presente l'Informativa completa.

(**) Se ti iscrivi alla Newsletter: il tuo indirizzo email verrà inserito in una lista usata solo da questo sito web e non sarà mai rilasciato a terzi.
L'email sarà conservata per un massimo di 24 mesi. In questo periodo potrai usufruire dei tuoi diritti, sanciti dal Regolamento Ue 679/2016, quali l'accesso, la rettifica, la cancellazione, la limitazione, la portabilità dei dati semplicemente scrivendo al titolare di questo sito e utilizzando questo stesso modulo di contatto.
Nel link che segue è presente l'Informativa completa.

Web Graphic Designer, Illustratore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Per inviare un commento è necessario: inserire il proprio nome, cognome, email; accettare il trattamento dei dati dopo aver letto l'Informativa Privacy. L’email potrebbe essere utilizzata da questo sito per inviare notifiche di commenti riguardanti lo stesso contenuto.